Tutti ritornano, prima o poi.

Tutti tornano, chi prima, chi poi .. e dopo secoli ho deciso di ritornare anche io.

Son cambiate talmente tante cose che, sinceramente, non saprei neanche io da dove cominciare a raccontare.

Partiamo dal principio.

Sapete già che avevo trovato un lavoro come commessa da Globo Moda qualche tempo fa; lavoro che, non solo mi ha permesso di levarmi molti sfizi, ma mi ha fatto crescere e maturare molto.
Era un lavoro che ho cercato con molto interesse, sia per avere un indipendenza economica, sia perché avevo bisogno di svago dopo la rottura della storia col papà di Azzurra.

Si, diciamo che è stato un lavoro sacrificante per troppo tempo e che a causa degli orari e della stanchezza mi sono allontanata dai social e in particolare dal Blog. Avevo a malapena il tempo di tornare a casa e godermi Azzurra quei pochissimi minuti durante la cena che spesso si addormentava sul tavolo, reduce anche lei da una lunga giornata stancante di scuola.

Ma la cosa che proprio odiavo più di tutti era non poter avere ferie prestabilite da passare con lei, non poter partecipare alle iniziative scolastiche che proponevano per i genitori, non poter uscire anche solo per un gelato il pomeriggio e tante altre cose..

Dopo due anni di duro lavoro,  di giornate intere passate lontano da casa e di stress per un lavoro che non sentivo neanche il mio, ho deciso di cambiare. Ho deciso di dedicarmi a qualcosa alla mia portata e che ho sempre voluto fare ma che per forza maggiore ho dovuto accantonare.

Così ho lasciato quel lavoro che ormai mi faceva soltanto star male, per intraprendere qualcosa di molto più grande.


Fin da quando ero piccola, affascinata dal lavoro che aveva intrapreso mio padre, ho sempre desiderato diventare un soldato un giorno. Sapevo che i sacrifici sarebbero stati immensi ma ho voluto provarci comunque.

Ho aspettato innanzitutto che Azzurra fosse un po’ più grande per riuscire a spiegarle la scelta che stavo per prendere: una scelta che avrebbe cambiato il nostro presente e il nostro futuro in meglio.. ma a volte anche in peggio.

Una volta assicuratomi che ad Azzurra andasse bene la situazione ho fatto il concorso.

Ho provato due volte prima di ricevere un esito positivo in quanto la prima volta è andata veramente male. Ero rimasta delusa perché fondamentalmente il motivo per cui ero stata scartata la prima volta era Azzurra. Secondo chi mi ha visitata (medico,psicologo,psichiatra) non ero idonea alla vita militare in quanto mamma di una bimba.

Inutile dirvi che ho avuto un mega battibecco con lo psichiatra che, un po’ perché è il suo lavoro e un po’ perché mi voleva scartare, mi ha fatto inidonea. Per me era inconcepibile ed inaccettabile che per lui una madre non dovesse intraprendere la carriera militare soltanto perché ha un figlio. Se il bimbo/la bimba ha un padre presente e abbastanza affetto da nonni, madrina e padrino e amici non vedo perché questo possa ostacolare la carriera della madre.

L’esito dello psichiatra era: Rigidità Ideo affettiva. In linea di massima significa che in me non sono state riscontrate quelle caratteristiche affettive ed emotive che l’esercito ritiene fondamentali per l’arruolamento. In sintesi, secondo lui, volevo partire nell’esercito e volevo abbandonare mia figlia a chissà chi, chissà dove e per chissà quanto tempo col solo scopo di fare carriera.

E’ ovvio che Azzurra mi mancherà da morire e che aspetterò la sera per video chiamarla o i weekend per vederla, ma purtroppo son sacrifici che si devono fare per assicurare il meglio ai propri figli. Farò di tutto per avvicinarmi il più possibile a lei e passare indeterminata, così che possa portarmela ovunque mi trasferiranno e costruire finalmente qualcosa di concreto io e lei.

Capisco che probabilmente la maggior parte di voi neanche capirà la scelta che ho intrapreso, ma io sono talmente convinta che non ascolterei nessuno. Nonostante tutti mi dicano che sarà dura, io non voglio mollare.


Ora mi godo quest’ultimi mesi di relax, di mare e di coccole con la mia bambina perché, presto, tutto questo mi mancherà da morire!!

 

 

 

2 commenti su “Tutti ritornano, prima o poi.

  1. Articolo bellissimo. Ti auguro un grande in bocca al lupo, e sono sicura che Azzurra sarà fiera di te.

I Commenti sono chiusi.